Tel.: (+39) 347 66 67 196

eMail: info@antoniobrando.it

Orari Segreteria
Lun – Ven: 9.00 – 17:00​

Chirurgia del gomito

L’articolazione del gomito è la parte degli arti superiori che consente il movimento tra braccio e avanbraccio.

Pertanto, ricopre un ruolo di primaria importanza per la mobilità e la funzionalità dell’intero arto, specie in relazione alle numerose attività che vengono svolte quotidianamente.

Gli sforzi e le costanti sollecitazioni possono limitare o pregiudicare la capacità funzionale dell’articolazione; lo stesso dicasi per alcune patologie di carattere infiammatorio o per i danni di origine traumatica. In presenza di sintomi o disturbi, non necessariamente gravi, è consigliabile rivolgersi tempestivamente ad un medico ortopedico specialista del gomito, così da poter usufruire di un consulto specialistico finalizzato alla formulazione di una diagnosi precisa.

Ortopedici specialisti gomito

I medici ortopedici specialisti del gomito si occupano, nello specifico, sia della diagnosi che del trattamento di ogni tipo di problematica che può interessare le complesse strutture dell’articolazione. Il gomito, infatti, non è esposto soltanto ad eventi di origine traumatica come, ad esempio, fratture, distorsioni e lussazioni ma è soggetto anche a patologie di natura infiammatoria, che possono assumere carattere acuto oppure cronico. La più diffusa è certamente l’epicondilite, nota volgarmente come “gomito del tennista”; si manifesta attraverso forte dolore locale e comporta spesso maggiori difficoltà ad effettuare determinati movimenti. L’infiammazione riguarda soprattutto il muscolo estensore radiale breve del carpo in corrispondenza della sua inserzione ossea sull’epicondilo omerale. I trattamenti più comuni sono di tipo conservativo ma, nel caso questi non risultino efficaci, vi è la possibilità di intervenire chirurgicamente. Lo stesso dicasi per alcune patologie neurologiche, come il tunnel ulnare o l’intrappolamento del nervo ulnare.

Da ciò si evince come la chirurgia del gomito, data la varietà delle strutture interessate, richieda un elevato grado di specializzazione. Il dottor Antonio Brando, tra i maggiori specialisti del gomito, opera in diverse strutture di eccellenza per la chirurgia ortopedica:

  • Vesalius Clinic di Domodossola, in veste di Direttore Sanitario e Chirurgo Ortopedico
  • COQ Centro Ortopedico di Quadrante di Omegna, come Chirurgo Ortopedico e chirurgo della mano
  • IRCCS Istituto Ortopedico Galeazzi in Milano, in qualità di Chirurgo Ortopedico, specializzato in interventi di chirurgia della mano.
  • Casa di Cura Villa del Sole in qualità di Chirurgo Ortopedico, specializzato in interventi di chirurgia della mano

Domande frequenti

Che esame fare per dolore al gomito?

In presenza di manifestazioni dolorose in corrispondenza della zona del gomito può essere necessario (previo consulto medico specialistico) sottoporsi ad una serie di esami strumentali, tra cui radiografia, ecografia, risonanza magnetica o TAC.

Chi cura il gomito?

La diagnosi e il trattamento delle patologie che interessano il gomito rientrano tra le competenze del medico ortopedico.

Come si sblocca il gomito?

Per sbloccare il gomito è necessario seguire un apposito percorso riabilitativo che preveda una mobilizzazione attiva assistita, stretching assistito e facilitazione propriocettiva.

Come riabilitare il gomito?

I trattamenti riabilitativi del gomito dipendono dal tipo di frattura; in generale, la riabilitazione si configura come una serie di movimenti ben precisi, volti ad un graduale recupero della funzionalità del gomito.

Quando operare il gomito?

L’intervento chirurgico si rende necessario nell’eventualità in cui le strutture del gomito siano interessate da un disturbo o una patologia che non possono essere trattati diversamente. Nel caso, ad esempio, dell’epicondilite, si interviene chirurgicamente qualora i trattamenti farmaceutici e riabilitativi non abbiano sortito alcun effetto per un periodo che va da 6 a 12 mesi.

Quanto dura un intervento al gomito?

La durata di un’operazione chirurgica al gomito dipende dal tipo di intervento; di norma, non dura più di tre ore.

Quanto dura una protesi al gomito?

Una protesi al gomito ha una durata limitata, seppur variabile; in genere, ha una ‘vita’ media di 18 anni ma, in alcuni casi, può durare anche più di trent’anni.

Chi si occupa di epicondilite?

L’epicondilite è una patologia a carico del gomito; pertanto, la diagnosi e il trattamento (anche chirurgico) sono appannaggio di un medico Chirurgo Ortopedico specializzato.

Come fare una visita ortopedica?

Per sottoporsi ad una visita ortopedica è possibile rivolgersi ad una struttura pubblica del Servizio Sanitario Nazionale oppure affidarsi ad un ambulatorio privato. Nel primo caso è necessario presentare l’impegnativa sottoscritta dal proprio medico curante; nel secondo, l’impegnativa non è indispensabile, benché la struttura possa comunque richiederla. Il consulto non richiede alcuna preparazione particolare da parte del paziente; è consigliabile portare con sé i referti di eventuali esami strumentali effettuati a non troppa distanza di tempo dalla visita, per agevolare l’anamnesi da parte dell’ortopedico. Questi verifica la funzionalità delle strutture interessate dai sintomi e, se necessario, dispone ulteriori esami strumentali per accertare le cause del problema.

Attività Chirurgiche

Prenota una
Visita

Per fissare un appuntamento puoi contattare il nostro ambulatorio telefonicamente o compilando il modulo sottostante. Ti risponderemo il prima possibile